Servizio Sanitario Regionale

Le cure odontoiatriche presso i nostri ambulatori possono essere a carico del Servizio Sanitario Regionale se le persone residenti in Lombardia appartengono ad una di queste due categorie:

Persona con una pensione minima o un assegno di pensione sociale?

Una persona (di età superiore ai 60 anni) e i famigliari a suo carico (risultanti dallo stato di famiglia) può accedere alle cure odontoiatriche gratuitamente, cioè a carico del Servizio Sanitario Regionale presso gli ambulatori di Monza, Sesto San Giovanni e nei service di Paderno Dugnano, di Novate Milanese e di Milano presso il Pio Albergo Trivulzio, se il reddito famigliare lordo – riferito al nucleo famigliare ed all’anno precedente – è inferiore a € 8.263,31 (oppure a € 11.362,05 in presenza di coniuge a carico). Tali importi devono essere aumentati di € 516,46 per ogni figlio a carico.

Persona disoccupata, lavoratore in cassa integrazione o in mobilità?

La persona con questi requisiti e i famigliari a suo carico (risultanti dal suo stato di famiglia) può accedere alle cure odontoiatriche gratuitamente, cioè a carico del Servizio Sanitario Regionale negli ambulatori di Monza, Sesto San Giovanni e nei service di Paderno Dugnano, di Novate Milanese e di Milano presso il Pio Albergo Trivulzio, se il reddito famigliare lordo complessivo è uguale o inferiore a € 27.000,00. Qui si trova l’ultima segnalazione fatta direttamente dal SSR.

Se si rientra in una delle categorie (Fasce L.E.A.) sopra indicate, ci si può recare alla propria ASL (sportelli di scelta/revoca medici) per autocertificare il proprio stato/reddito e ottenere così:
- L’esenzione E03 o E04 nel caso in cui ci sia un reddito complessivo (riferito all’anno precedente) del nucleo familiare non superiore a € 8.263,31 oppure a € 11.362,05 in presenza del coniuge a carico. Tali cifre vanno incrementate di € 516,45 per ogni figlio a carico;
- L’esenzione E02 se il reddito familiare lordo complessivo è uguale o inferiore a € 27.000,00;
- Le esenzioni E12 o E13 solo se si appartiene alla categoria di cittadini in cassa integrazione straordinaria o in deroga, in mobilità o con un contratto di solidarietà difensivo.
- Una persona e i famigliari a suo carico (risultanti dallo stato di famiglia) può accedere alle cure odontoiatriche pagando il solo costo del ticket sanitario, presso gli ambulatori di Monza, Sesto San Giovanni e nei service di Paderno Dugnano, di Novate Milanese e di Milano presso il Pio Albergo Trivulzio, se il reddito da lavoro famigliare lordo – riferito al nucleo famigliare ed all’anno precedente – è inferiore a € 8.263,31 (oppure a € 11.362,05 in presenza di coniuge a carico). Tali importi devono essere aumentati di € 516,46 per ogni figlio a carico.

Per maggiori informazioni potrete consultare la delibera regionale n. VIII/3111 del 01.08.2006

Le cure odontoiatriche necessarie vengono assicurate anche a:
Soggetti nati con condizioni di gravi deficit fisici, sensoriali o neuropsichici;
Soggetti affetti da patologie o trattamenti sistemici che aggravano le patologie orodentali o che rendono le cure odontoiatriche a rischio o che comportano trattamenti di particolare complessità;
Soggetti affetti da malattie rare per quanto correlato alla patologia primaria;
Soggetti che non possono usufruire di cure convenzionali quali gli edentuli affetti da gravi atrofie dei mascellari ed i portatori di deficit anatomici conseguenti a perdita di tessuti molli e/o duri per neoplasie o traumi;gli invalidi civili al 100%;

Per maggiori informazioni consultare la delibera regionale n. VIII/3111 del 01.08.2006

Al momento della prenotazione del primo appuntamento, i pazienti rientranti in tutte le fasce L.E.A. indicate, dovranno presentarsi presso  gli ambulatori  accreditati con il Servizio Sanitario Regionale di Monza, Sesto San Giovanni e nei service di Paderno Dugnano, di Novate Milanese e di Milano presso il Pio Albergo Trivulzio muniti di impegnativa del proprio medico curante (ricetta rossa), con l’indicazione del proprio codice di esenzione (purchè sia uno tra quelli indicati o riferibili alla patologia correlata).